Quanto ti costano i NO che ricevi?

NO

Questo è un dettaglio a cui non si da mai il giusto peso.

Mi spiego meglio.

A prescindere dall’azienda di MLM con la quale collabori, tendenzialmente il pacchetto per iniziare a collaborare ha un costo che può oscillare dai 100 ai 600€ in base sempre ai vari benefici cui si vuole andare incontro.

Fin qui nulla di nuovo.

Anche se in realtà, dietro a questo “costo di partenza” si cela il tuo successo (o il tuo insuccesso).

Permettimi di essere il più chiaro possibile.

Sono più che sicuro che tu sai perfettamente quanto costano i prodotti che tendenzialmente proponi a chi non ti conosce ma che vuole intraprendere un percorso con te.

Dico bene?

Ottimo.

Ed ovviamente quando sei in trattativa ti è sicuramente successo di sentire questa domanda:

Ma quanto mi costa?

Nel preciso istante in cui i tuoi padiglioni auricolari mandano il messaggio al cervello che lo elabora (nel tempo di una frazione di secondo) ecco che inizi a sudare freddo.

Sai che questa è una domanda scomoda.

Molto scomoda.

Così scomoda che se non la sai gestire nel modo corretto rischi di far saltare per aria come se fossi un kamikaze tutti gli sforzi che hai impiegato per portare la persona a volerne sapere di più.

Purtroppo una strana sensazione di angoscia ed ansia prendono il sopravvento.

Cerchi in qualche modo di giustificare il prezzo facendo leva in maniera marcata su quelli che sono i benefici del prodotto e cosa succederà in futuro alla persona se decide di comprarli.

Quindi in poche parole stai cercando di fargli capire che comprare adesso è la cosa migliore che può fare.

Peccato però che se non sei abile ad argomentare l’obiezione nel modo corretto spostando l’attenzione verso i suoi punti deboli facendo capire che se non si agisce adesso si rischia di perdere una grande opportunità…

Allora puoi dire addio all’istante ad ogni remota possibilità di vederti consegnare in mano i suoi soldi.

È questo quello che vuoi?

Penso proprio di no.

Ma allora come posso fare per evitare questo senza rischiare d’incappare in questi tunnel senza uscita?

Vedi, è molto semplice.

Quando una persona si trova di fronte ad un prodotto che costa 200€, se non lo compra ha in tasca 200€ in più.

Se lo compra, invece ha 200€ in meno.

Fin qui non ho detto nulla di nuovo.

Come si fa quindi a far sì che la persona spenda quei 200€ anche se vista così sembra una cosa negativa per lui?

Devi fargli capire che se COMPRA, risparmia, ed ha più soldi di prima

Chiariamo subito un concetto.

Questa non è una legge che va bene per tutte le situazioni.

Questo è un esempio didattico per questo preciso argomento, poi in base a domande specifiche che farai alla persona mentre cerchi di sondare il terreno l’andrai a modificare in base a quello che ti risponde.

Tornando a noi…

Come posso far capire alla persona che risparmia se perde 200€?

Su cosa posso far leva?

Come posso fargli capire che va incontro ad un beneficio anche se apparentemente non sembra così?

Devo mentire?

 

Frena frena!

È molto più semplice di quanto credi.

In realtà non serve mentire se il tuo prodotto fa migliorare la vita della persona.

Mi spiego.

Poniamo il caso che tu vendi un prodotto che rende più giovani in soli 30 minuti anche se hai le rughe di una nonnetta pluricentenaria che ha fumato così tante sigarette da essere soprannominata “ciminiera vivente”.

Lasciamo stare lo stato dei polmoni o della sua salute in sé.

Focalizziamo invece l’attenzione su di un aspetto molto più importante.

Com’è possibile che esista in commercio un’elisir della bellezza che rende più giovani in soli 30 minuti senza dover fare nemmeno alcun intervento di chirurgia estetica anche se ho così tante rughe da far concorrenza ad una nonnina pluricentenaria?

Oh avanti, questa cosa è IMPOSSIBILE!

Apparentemente è così.

Ma il fatto di aver espresso un concetto così tanto polarizzante fa aumentare l’attenzione in maniera vertiginosa.

Perché?

Anche se sembra una cosa impossibile, a qualsiasi donna di mezza età che magari avverte qualche ruga di troppo vorrebbe trovare un modo per eliminarle senza ricorrere alla chirurgia plastica.

Sarebbe davvero qualcosa d’incredibilmente straordinario.

Così, anche se la sua reazione sembra negativa, in realtà sotto sotto vuole saperne di più.

E allora qui cosa fai?

Non gli mostri il prodotto ma gli fai vedere le TESTIMONIANZE

Qui è dove precipitano la maggior parte dei Networker là fuori che non hanno una formazione vendita adeguata per portarsi a casa la pagnotta tutti i mesi senza dover vendersi un rene per mantenere la qualifica che hanno ottenuto con tanta fatica.

TU non devi commettere lo stesso errore.

Perché nel preciso momento in cui vedi che l’altra persona è dannatamente perplessa ma allo stesso tempo curiosa (esiste un trucchetto per scoprirlo) NON devi tirare fuori il tuo prodotto.

NON DEVI FARLO.

Se lo fai la persona percepisce che ti vuoi mettere i soldi in tasca e questo non deve assolutamente accadere.

Capito?

Quindi, invece che prendere dalla tua borsa brandizzata il prodotto miracoloso tiri fuori il tuo bel libro delle testimonianze.

Mi auguro davvero che tu ce l’abbia.

O quantomeno che tu abbia almeno delle testimonianze da poter sfoggiare, altrimenti rischi davvero di avere molta difficoltà ad essere credibile.

Capisci cosa voglio dire?

Ora… Se nel preciso momento in cui la persona che hai di fronte rimane curiosa e allo stesso tempo perplessa per la promessa che gli stai facendo, gli mostri il tuo libro delle testimonianze… Posso assicurarti che darà maggior valore a quello che tu hai detto.

Ha almeno una riprova tangibile che (forse) la tua promessa è reale se ci sono state altre persone prima di lei che hanno fatto da cavia.

Lo so, il genere umano è davvero bizzarro.

Eppure a nessuno piace avere brutte sorprese, soprattutto quando si tratta di qualcosa di nuovo e tu non sei abbastanza conosciuto.

È difficile credere sulla parola.

Servono anche i fatti.

E le testimonianze sono il tuo miglior alleato.

Perché il costo del tuo NO non è solamente di 100€ o del prodotto in sé.

Per la persona è così se non gli costruisci il valore dietro.

Ma per te è più di quei soldi.

Pensa solamente alle persone che potrebbe portarti la stessa persona nel momento in cui ti porta delle sue amiche che vogliono sottoporti al tuo elisir di lunga vita.

Sono sicuro che quei cento euro valgono molto di più.

Capisci il senso?

Ecco… Quindi come si riesce a costruire un VALORE percepito notevolmente maggiore del costo del prodotto senza doverlo addirittura svendere o (nella peggiore delle ipotesi) REGALARE?

Il modo migliore per fare questo è far immaginare alla persona che hai di fronte a te uno scenario realmente agghiacciante se non compra adesso e a queste condizioni.

Sei tu che detti legge.

Sei tu che hai il coltello dalla parte del manico nel momento in cui VENDI.

Tu sei il VENDITORE.

Puoi pensare per tutto il tempo che vuoi a dire che non vendi ma che proponi… Peccato che non è così che funziona.

Proporre una cosa non è VENDERLA.

E se tu continui ad avere questo approccio mentale, posso assicurarti che non riuscirai mai e poi mai a vendere nulla.

Semmai l’unico risultato che ottieni è quello di proporre.

Che significa NON guadagnare un solo euro.

È così.

È matematico.

È un po’ come se cercassi di consigliare ad un tuo amico di vedere un film piuttosto che un altro.

Tu glielo proponi e nel fare questo non ci guadagni nulla. Se non che una maggiore stima nei tuoi confronti per aver pensato a lui e al suo piacere nel spendere i suoi soldi ed il suo tempo nel vedere quel tuo determinato film.

Se poi quel film risulta essere davvero interessante, tu guadagni punti di stima nei suoi confronti e questa cosa è davvero potente a livello di amicizia.

Ma ad ogni modo non l’hai fatto a scopo di lucro.

Dico bene?

Prova invece ad immaginare per un istante di voler vendere il biglietto di un film perché tu da quel biglietto ci guadagni la metà.

Sono più che sicuro che l’approccio sarà diametralmente diverso.

Capisci cosa voglio dire?

Prima devi iniziare ad avere il giusto approccio mentale, poi in un secondo momento devi cercare di costruire il valore nel prodotto che vendi.

Altrimenti l’unico motivo che la persona ha di dirti di NO è solamente una questione puramente ECONOMICA.

Dico bene?

Quindi… Alla luce di tutto questo come si fa a creare un valore al proprio prodotto senza risultare un networker come tutti gli altri?

Qui trovi la via.

Nella pagina che ti si apre cliccando qui trovi il modo semplificato e soprattutto professionale per diventare un vero e proprio networker professionista che sa come vendere senza farsi mai piegare dalle false obiezioni della persona che ha di fronte.

Tu sei un guerriero.

Non una semplice recluta.

Dacci dentro ed indossa l’armatura del professionista di guerra.

 

Io ti aspetto in trincea.

 

Mik Cosentino

Commenta con facebook