Svelato l’unico motivo per cui devi creare un regalo magnetico per il tuo Network

regalo magnetico

I regali creano sempre curiosità.

E non appena ne hai uno sotto mano muori dal desiderio di aprirlo e vedere subito cosa ci sta dentro.

Non importa se poi ci sarà una ciofeca.

La tua mente è strettamente concentrata sul scoprire il contenuto.

È il tuo compleanno (per esempio) e sai che chiunque degli invitati si è impegnato (chi più chi meno) nel farti un pensiero carino, che in qualche modo tu possa apprezzare.

Tuttavia non tutti i regali che aprirai ti lasceranno a bocca aperta.

Ci saranno quelli che al sol vederli pensi “che è sto schifo?” ma fai comunque una faccia contenta e ti complimenti con colui che ti ha fatto il regalo. In fondo non vuoi apparire scortese, quindi ogni tanto una bugia a fin di bene non guasta.

E poi nell’angolo opposto ci sono quelli che una volta aperti ti fanno scendere la mascella fino ai piedi e non sai nemmeno come dimostrare gratitudine.

Ecco, in questo preciso istante hai appena detto in modo (quasi) diretto che quel tipo di regalo è quello che avresti davvero desiderato.

Ed ora ce l’hai proprio tra le mani!

È tuo e poni l’attenzione solamente su quello.

Gli altri fisicamente ci sono ma è come se non esistessero più.

Ed è questo l’obiettivo del tuo regalo magnete.

Deve catturare l’attenzione in maniera così magnetica che anche se ci fossero mazzette di cash lì vicino a te, comunque tu non le consideri. Forse questo esempio è al limite della realtà ma era per farti capire in modo devastante qual è l’obiettivo del regalo magnete.

A questo punto però ti stai chiedendo:

“Cosa c’entra tutto questo con la tua attività di Network Marketing?”

È presto detto.

Che motivo ha uno sconosciuto di venire da te piuttosto che andare da un tuo concorrente?

È inutile girarci intorno ma il mondo del MLM è ormai pieno di netwoker come te che ogni giorno cercano in modi più o meno etici di portare a casa più contatti possibili.

Questo significa che c’è davvero meno trippa per tutti.

Pensaci.

Quando parli con uno sconosciuto e cerchi di fargli capire quello che fai, succedono queste 3 cose:

  1. Vieni scannerizzato dalla testa ai piedi
  2. Si prepara la rampa di lancio per la fuga
  3. Prima del saluto finale ti becchi un bel dito medio

Magari non sempre funziona così ma la maggior parte delle volte questo è quello che succede.

Allora prima di chiamare al tuo sponsor e avvisarlo dell’ennesimo buco nell’acqua fai mente locale.

Cerchi di ricordare la scena, i dettagli, le parole usate, la postura…

Cosa avrò mai sbagliato?

Ci pensi e ripensi fino quasi a perdere un’intera giornata nel trovare una spiegazione logica a queste tue pessime performance.

Eppure altri colleghi ce la fanno, perché io non riesco?

Forse è vero che il problema sono io…

In fondo anche durante gli eventi aziendali si dice che la replicabilità dei risultati non è duplicabile.

Molto dipende dalla persona, quindi forse io non sono portato per svolgere in modo professionale ed efficace questa attività.

Magari è meglio che mi dedico ad altro…

Aspetta!

Non iniziare a raccontarti un film mentale che esiste solamente nella tua testa.

Rimani qui perché ho una cosa davvero importante da svelarti.

Il successo nel MLM non dipende solamente dalla persona ma anche dal MODO in cui fai contatti

Se non sei un neofita di questa attività, molto probabilmente sai benissimo che per raggiungere elevate qualifiche ci vogliono i numeri.

Ma per numeri cosa si vuole intendere?

PERSONE

Il mondo del Network Marketing è un business fatto di persone.

Questo significa che quante più persone riesci a contattare e a trasformare in clienti e poi in distributori, allora ecco che la tua spilla piano piano cresce di dimensione o di valore.

So che questo è il tuo più grande sogno.

In fondo se stai leggendo questo articolo è proprio perché vuoi capire come poter avere un flusso costante di persone che vogliono diventare tuoi affiliati.

E questo obiettivo è fattibile.

Ma prima permettimi di fare un’importante precisazione.

Non esiste una formula magica che in qualche modo riesce ad abbindolare le persone e a farle iscrivere come per incanto nel tuo team e duplicare automaticamente questa strategia creando un sistema solido e che soprattutto funziona.

Tutti vogliono raggiungere il successo ma nessuno considera minimamente il lavoro che ci sta dietro nel mantenerlo.

Ognuno di noi (e forse anche tu) aspiriamo ad avere soldi infiniti con il minimo sforzo.

Alcuni pensano che il miglior strumento per ottenere questo risultato sia il Network Marketing, altri un gratta e vinci, altri ancora svaligiare una banca.

A prescindere da quale sia lo strumento bisogna possedere la corretta strategia.

E tu sei qui per questo.

Vedi, non puoi pretendere che le persone ti dicano di Sì solamente perché gli fai una domanda.

È anche importante cosa hai da proporgli e soprattutto il contesto durante il quale lo fai.

Questi due aspetti sono sicuramente di fondamentale importanza.

Ora non voglio passare in rassegna i posti migliori nei quali fare una presentazione della tua opportunità piuttosto che del tuo prodotto.

Nulla di tutto questo.

Anche perché dubito fortemente che le persone si fermino al parco e si mettano a vedere una video presentazione della tua azienda o dei grandi guadagni che si riescono ad ottenere se decidessero di entrare in squadra con te.

Ti hanno mai detto questo?

Non parlare dell’azienda, parla del problema

Per chi inizia la carriera da Networker viene spontaneo nominare il nome dell’azienda piuttosto che del prodotto.

Si è gasati, presi dall’entusiasmo e dalla voglia di rivalsa che dire immediatamente i vantaggi che si possono ottenere comprando il pacchetto da distributore o da cliente è quasi automatico.

Ma questo non fa altro che allontanare come un super repellente ogni potenziale contatto che si trova a soli 3 passi da te.

E per te che magari hai iniziato da poco questa attività non è il massimo del risultato.

Certo, magari ti diranno:

“Bravo! Anche se hai sbagliato stai facendo le cose nel modo giusto, ma soprattutto le stai facendo! Altrimenti non avresti mai commesso questo errore! Dacci dentro e diventa il prossimo diamante! Yohoooooo!”

La dose di motivazione non fa mai male, serve per dare la giusta carica e ripartire con il piede sull’acceleratore per poi continuare a schiantarsi continuamente contro una barriera di NO.

Così ecco che il ciclo perpetuo del (finto) miglioramento inizia e anche se i risultati non sono in crescita esponenziale si continua verso quella direzione.

In fondo ogni organizzazione ha il suo metodo e se tu fai parte di quel team devi seguire quello che ti dicono.

Guai nel fare diversamente!

Rischi di essere visto come un traditore e si sa, i traditori non vengono poi visti di buon occhio e tu non hai intenzione di correre questo rischio.

Tu sei entrato in quell’ambiente per altri motivi.

Primo tra tutti GUADAGNARE più soldi.

Ma ahimè non sembra che questo risultato sia così evidente…

“DEVI CREDERCI!”

E credici pure ma se non porti a casa la pagnotta poi la senti tu la moglie o i familiari?

Per un paio di settimane possono anche starsene in silenzio e farfugliare qualcosa sottovoce ma passato un primo periodo ecco che la voce inizia a farsi più grossa e cercare di gestire anche le obiezioni della famiglia diventa una sfida che non era assolutamente preventivata.

“Fa parte della tua crescita, non mollare perché non appena superi anche questa potrai iniziare a vedere i primi risultati, NON MOLLARE!”

Sì certo, tenere duro non è così difficile ma poi si arriva ad un punto in cui i risultati sono così lontani che la meta diventa non solo un miraggio ma addirittura svanisce e con lei anche tutti i tuoi sogni di gloria, rivalsa e di un futuro migliore.

“Devi sapere che non tutti sono portati a svolgere questo mestiere. E dai tuoi risultati emerge la scarsa predisposizione in questo lavoro. Volendo puoi ancora ripartire da zero. La scelta spetta a te. Ricorda il tuo grande perché. Ricorda quello che ti ha spinto ad essere qui. Ricorda i tuoi obiettivi. Vuoi davvero gettare tutta la tua fatica dritta alle ortiche? È questo quello che vuoi?”

Ecco che nella tua mente inizia a crearsi un corto circuito.

Pure prima di andare a dormire ci pensi.

“Caspita sono davvero un fallito… Credevo di essere una persona più in gamba e invece…”

“Ma stai zitto cosa dici!? Non hai manco una strategia funzionante che ti consente di parlare già con persone interessate! Di che ti lamenti?!”

“Effettivamente è vero, ma allora come si spiega il fatto che diversi collaboratori del nostro team riescono a portare a casa la pagnotta ed io no?”

“Loro abitano a Milano, ci credo che ce la fanno!”

“Quindi io che abito a Mercato Saraceno sono spacciato… Quindi devo dire ai miei familiari che questo progetto è una truffa e che non funziona, altrimenti mi dicono che sono doppiamente coglione se rivelo le cose come stanno…”

“Sì è meglio che gli dico così…”

Più o meno queste sono le cose (che forse anche tu ti sei ripetuto) quando hai capito che non c’era più alcuna speranza.

In fondo…

… è più facile dire che il MLM non funziona piuttosto che ammettere di non avere una strategia funzionante a monte
(ma anche a valle)

Forse è per orgoglio.

Forse è perché tutti fanno così.

Ma guadagnare con il MLM è davvero una fatica bestiale.

Le hai provate tutte.

  • Party a casa.
  • Presentazioni al bar.
  • Presentazioni su skype.
  • Opportunty day sintetizzati in 5 minuti alla fermata dell’autobus

Insomma, hai cercato in qualche modo di mettere insieme il mondo dell’on line con quello offline ma la risultante non ha portato i risultati sperati.

Inizi ad avere seri dubbi non solo su di te ma anche verso gli strumenti utilizzati.

Possibile che sia solamente un bagno di sangue?

Possibile che ogni persona che contatto non è minimamente interessata a volerne sapere di più?

Non parlo dell’azienda. Non dico di cosa si tratta. Cerco di rimanere vago per poi in qualche modo far capire che è MLM e che vendo un prodotto.

Ma anche così non funziona.

Diamine sembra che io abbia la calamita per questa tipologia di persone.

Utilizzo gli strumenti aziendali, brochure, volantini…

Ma niente.

Zero assoluto.

Possibile che sia così sfigato?

Aspetta, prima di saltare a conclusioni affrettate ti prego di capire un passaggio davvero cruciale.

Se al momento non hai i risultati che desideri è perché stai facendo due errori:

  1. Ti rivolgi alle persone sbagliate
  2. Utilizzi la strategia errata
  3. Il contesto in cui lo fai non è a tuo favore

Lo so, avevo detto due ma poi anche il luogo in cui cerchi di convertire un contatto in potenziale cliente o collaboratore è assolutamente importante.

Nella maggior parte delle ipotesi ti hanno detto che è sempre meglio far venire la persona nell’ufficio in cui avete il centro per fargli assaporare il clima che si respira. In questo modo ci sono maggiori possibilità che questo si converta in distributore o cliente.

Ovviamente già sa di cosa si tratta e quindi se accetta di venire nell’ufficio è perché hai fatto sicuramente un ottimo lavoro.

Ma nel 98% dei casi non succede.

In fondo…

Che motivo hanno le persone di accettare l’OFFERTA della tua azienda?

Pensaci.

In fondo è di lei che stiamo parlando.

Tu sei il front man ma se alla fine la tua offerta ricade sull’azienda (magari pure conosciuta) allora possiamo benissimo dire addio al tuo successo.

Mi spiego meglio.

La cosa che devi iniziare a fare non è parlare dell’azienda ma del problema che la persona ha in quel preciso momento.

Se poi sai anche in anticipo come catturare potenziali contatti che hanno esattamente quel problema sei davvero a cavallo (tranquillo che tra poco te lo rivelo).

Ma ammesso che questo non lo sai, hai assolutamente bisogno di un magnete che fa il lavoro sporco al posto tuo.

Mi spiego meglio.

Preferisci stare ore ed ore davanti ad un potenziale contatto che non comprerà mai e te lo dice alla fine oppure gradisci invece un alleato che fa tutto questo mentre tu ti occupi di fare formazione che screma già in partenza i contatti che possono essere interessati alla tua attività piuttosto che ai tuoi prodotti?

Se tu non sei una persona svalvolata capisci all’istante che la cosa migliore è quella di avere un fedele alleato.

Ma chi è esattamente?

Sto parlando di un report, video o documento cartaceo appositamente creato da te che fa leva su:

  • Problema del target
  • Le eventuali soluzioni che ci sono già sul mercato
  • Le ripercussioni che la persona può subire se fa o non fa determinate cose
  • Come può cambiare la sua vita se agisce o meno in una specifica direzione
  • Quale beneficio ottiene nell’immediato seguendo le tue direttive
  • Perché deve scegliere te, la tua azienda o il tuo prodotto come miglior soluzione alla sua situazione
  • Chi sei tu per essere ascoltato
  • Cosa dicono le persone di te e del metodo che utilizzi
  • Quanto tempo si ha per agire oppure per lasciare stare il mondo così com’è
  • E molto altro

Capisco la tua perplessità.

Magari non ci hai capito tanto.

Ma tranquillo, tra un attimo tutto ti sarà limpido come l’acqua cristallina.

Quello che sto cercando di dirti è che hai bisogno di un report, video o documento cartaceo in cui c’è del contenuto già strutturato per abbattere le classiche obiezioni che ricevi ogni volta che tenti di chiudere una trattativa.

Del tipo:

  • Costa troppo
  • Non so vendere
  • Ma quest’azienda fa morire la gente
  • Non ho tempo
  • Non sono sicuro che questo prodotto risolva i miei problemi
  • Ecc…

Posto che nel regalo magnete non devi parlare subito del prodotto o dell’azienda, queste obiezioni le ho utilizzate come esempio per far capire che tipologia d’impostazione devi trasmettere a questo tuo fedele alleato.

So che nessuno ti ha mai parlato di applicare questa strategia ma è anche vero che i tempi sono cambiati.

Le persone sanno esattamente come fare per scappare a gambe levate senza muovere un solo piede.

Gli basta una frase e puf, addio per sempre.

Non m’interessa, lo capisci?

Vedi è istantaneo.

Non hai nemmeno il tempo per reagire che BOOM!

Un montante mega galattico ha colpito la tua mandibola che sei praticamente KO in un sol colpo.

Questa è la drammatica vita del Networker.

Purtroppo (o per fortuna) non è per niente facile fare il salto di spilla.

Servono specifiche competenze per risorgere come una fenice dalla melma in cui ti trovi adesso.

So che le hai provate davvero tutte.

Ma so anche che tu non fai mai un passo indietro.

Non adesso.

Infatti questa cosa del regalo magnete ti ha davvero incuriosito al punto che vuoi scoprire come poterla applicare in modo efficace nella tua attività.

Tuttavia se non sai come farlo è davvero un problema perché rischi di fare dei danni se non segui delle specifiche linee guida.

E sarebbe davvero il tuo colpo di grazia.

Cosa che non vuoi assolutamente ottenere.

Quindi come fare?

È presto detto!

Clicca qui e scopri come diventare un networker professionista.

Verrai rimandato in una pagina in cui puoi (anzi devi) lasciare la tua migliore email per poter ricevere direttamente nella tua posta elettronica tutte le strategie (anche quella qui menzionata) che ti permettono di diventare un professionista utilizzando non solo quello che già sai sul MLM ma anche le cruciali competenze on line che ti permettono di creare un flusso costante di contatti potenzialmente interessati alla tua attività.

Ed è qui che scatta l’importanza del regalo magnete.

Quindi se non vuoi farti scappare questa preziosa opportunità lascia la tua migliore email al box che trovi cliccando qui.

Ti aspetta del materiale davvero micidiale.

Fanne buon uso, mi raccomando!

Carlos Casadei – Content Marketer di Accademia del Network Marketing 2.0

 

P.S. Ho cercato di trasmetterti un concetto davvero importante in questo breve articolo. Hai bisogno di avere degli alleati che lavorano per te mentre tu sei ad un meeting. Se non automatizzi dei piccoli processi che ti permettono poi di avere dei contatti caldi pronti ad essere chiamati senza che tu debba perdere tempo inutilmente… allora non farai mai il salto di spilla.

Non te lo dico perché voglio che entri dentro Accademia.

Te lo dico per la tua carriera.

Immagina se tu avessi un soldato che ogni volta che vede un potenziale contatto gli pone questa domanda:

“Anche tu hai questo problema?”

Il contatto guarda.

Qui ha due strade:

  1. Lasciar perdere
  2. Oppure rispondere così

“Sì ho questo problema e vorrei scoprire come risolverlo!”

Il soldato gli dice:

“Lascia qui il tuo indirizzo e riceverai un regalo che ti permette di risolvere (in parte) il tuo problema. Non dovrai pagare nulla, è gratis!”

Il contatto lascia i suoi dati e riceve il regalo.

Ora potrei andare avanti ma voglio fermarmi per farti notare un dettaglio sorprendente.

Tu in tutto questo non hai mosso un dito.

Tutto questo accade mentre fai altro.

Non pensi che sia davvero DOVEROSO capire come implementare un meccanismo simile nella tua attività?

Questa è la potenza del regalo magnete.

Clicca qui e scopri come crearlo diventando così un Networker Professionista.

Attento! La pagina che si aprirà non ti dirà subito come fare questo passaggio. Prima sono necessarie delle precise delucidazioni ma ti garantisco che se lasci il tuo contatto riceverai un regalo davvero incredibile.

Guarda come puoi applicare anche tu la stessa cosa. Ne va della tua carriera da professionista.

Commenta con facebook